Passa ai contenuti principali

Recensione: Caraval, Stephanie Garber



"Benvenuti, benvenuti a Caraval... State attenti a non farvi coinvolgere troppo"



TRAMA Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l’imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga. E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l’aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall’isola e dal
suo destino… Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l’edizione di Caraval che sta per iniziare ruota tutta intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Tutto ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella. Eppure, sogno e veglia
iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la
porterebbe a perdere Tella per sempre…

Salve lettori, oggi vi parlo di uno dei libri più chiacchierati di quest'anno: Caraval. Quando sto per affrontare la lettura di libri già molto famosi e apprezzati ho sempre il timore di avere aspettative troppo alte e che queste non vengano rispettate ma per fortuna non è questo il caso anche se devo ammettere che c'è stata qualcosina che non mi ha entusiasmato, ma partiamo dalle cose positive.

Attraverso la lettura seguiamo il viaggio di Rossella che, dopo numerose  lettere senza risposta indirizzate a Legend, il Mastro di Caraval riesce finalmente a ottenere un invito per poter giocare all'edizione di quell'anno, premio in palio: un desiderio. Sebbene Rossella sia titubante perchè prossima a un matrimonio combinato e fiduciosa nella riuscita di quest'ultimo, viene trascinata in quest'avventura da sua sorella Donatella e un marinaio appena conosciuto. Non sarà un gioco facile,  intuirà presto Rossella, a Caraval si gioca solo di notte per cinque notti, nulla è come sembra e soprattutto: suo sorella è stata rapita da Legend ed è diventata un indizio del gioco. Da questo momento in poi la sua missione non sarà più incentrata sul gioco ma sul salvare Tella dalle grinfie del circo magico che è Caraval.

Sicuramente questo è un libro insolito, la trama è molto avvincente ed è perfetta per chi ama avere un pizzico di magia e mistero in quello che legge e la grafica dell'intero libro è semplicemente un piacere per gli occhi, un punto debole che ho trovato però è la poca analisi di Caraval, a volte mi sembrava troppo approssimativo e avrei preferito una descrizione più dettagliata di questo luogo magico.

I personaggi sono ben caratterizzati e sebbene inizialmente non provassi molta simpatia per la protagonista ammetto che l'evoluzione che ha affrontato nel corso della storia l'ha resa sicuramente più gradevole, la scrittura è scorrevole e il ritmo incalzante, non ho apprezzato però l'uso a volte di metafore particolarmente strane ma ovviamente è una mia opinione personale.

In generale è un libro che sicuramente consiglio, svolge perfettamente la sua funzione di intrattenimento in tutti i sensi ed è una lettura piacevole.

Si può leggere come se fosse un libro autoconclusivo anche se il finale lascia aperto uno spiraglio per il secondo libro che uscirà nel 2018.

Questo libro è stato protagonista del gruppo di lettura di Dicembre e qui vi lascerò i link delle recensioni delle mie colleghe blogger:
Bla Bla letterario
Vivere tra le righe

"Ricorda, è solo un gioco..."

Commenti

  1. Mi trovo molto d’accordo con la tua opinione! Mano a mano che passano i giorni da quando ho concluso la lettura mi stanno nascendo più perplessità di quanto pensassi, però 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha si diciamo che al momento della lettura è molto più scorrevole, poi quando ti fermi un attimo a pensare ti viene qualche dubbio😜

      Elimina
  2. Caraval 😍 prima o poi riuscirò a leggerlo anche io!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: La distanza tra le stelle, Lily Brooks-Dalton

Il mio primo pensiero terminato questo libro è stato: non può finire così, alla mia copia mancano decisamente le pagine finali! Ma ahimè è proprio così che termina la storia e ora cercherò di spiegarvi le mie sensazioni su questo libro (senza rivelare troppo ovviamente). 
Ammetto che ho comprato il libro a scatola chiusa perché, appassionata di astronomia quale sono, ogni libro ambientato nello spazio per me ha un fascino irresistibile e sebbene il finale mi abbia lasciato sorpresa non sono affatto pentita della mia scelta.

"Un tempo i mutamenti del cielo sopra di lui contavano più del terreno che aveva sotto i piedi, ma ora non più. Aveva tenuto gli occhi alzati troppo a lungo, era arrivato il momento di pensare alla terra, d'immaginare la vita che presto sarebbe riaffiorata in superficie." 



TRAMA Augustine ha dedicato la sua esistenza allo studio delle stelle. Non ha mai avuto una famiglia, né un vero amore; ha invece sempre avuto il suo telescopio, lassù, in un osserv…