Passa ai contenuti principali

Recensione: La musica perfetta, Kat French


"Non ti avevo mai visto con il giubbotto" commentò, tanto per dire qualcosa. "Così mi sembri... Uno di quei pescatori sexy..." "Un pescatore sexy?" chiese sconvolto. "Si, hai visto l'ultimo spot con Capitan Findus, quello che è appena uscito?" (...) "Sono offeso perché mi hai paragonato a un sessantenne obeso, non perché non ho visto la pubblicità." 

TRAMA
Honeysuckle Jones ha bisogno di un uomo. O meglio, questo pensano le sue migliori amiche Nell e Tash, che ora hanno una missione: aiutarla a trovare quello giusto. Deve essere intelligente, attento, divertente, ma soprattutto non dev'essere goffo. Insomma, deve avere delle buone mani. Da pianista, per esempio. Il nuovo vicino di casa di Honey, l'ex chef Hal, non è certo il candidato ideale: è scorbutico, asociale, e non suona nemmeno il pianoforte. Eppure, nonostante l'antipatia evidente, la sua voce ha un certo non so che, e sembra in grado di sviluppare una qualche alchimia, scariche elettriche, cose del genere. Peccato che sia decisamente l'uomo sbagliato. Ma quando Honey scopre il vero motivo che si nasconde dietro tanta ostilità, decide di concedergli un'altra occasione... di diventarle simpatico. Perché a volte sono le note dissonanti a rendere una musica perfetta.

Salve lettori, oggi vi parlo di uno degli ultimi libri pubblicati da Harper Collins: "La musica perfetta" (16,90€ cartaceo, 6,99€ eBook), pubblicato in lingua originale con il titolo The Piano man project.

In questo libro ritroviamo l'atmosfera tipica delle commedie inglesi, personaggi briosi, battute irriverenti e la protagonista che si rivela essere la classica ragazza della porta accanto, letteralmente.

Con Honey ci si può facilmente identificare, sulla trentina, totalmente negata tanto ai fornelli quanto nelle relazioni amorose, le uniche cose che riescono a donarle il sorriso sono il lavoro in una casa di riposo, la presenza costante di due allegre vecchiette, Mimi e Lucille che la aiutano e gli scambi di battute, non sempre civili, con il suo nuovo misterioso vicino Hal.

Lontano dall'essere il gentile vicino a cui andare a chiedere lo zucchero, Hal sembra fare di tutto per non far avvicinare nessuno alla sua soglia e a sè, la testarda vicina chiacchierona in particolare. Solo il tempo lo potrà aiutare ad uscire pian piano dal suo guscio e ad aprirsi di più con Honey alternando momenti di imprecazioni e sfuriate a momenti gentili fatti di lezioni di cucina.

Questo libro è sicuramente una scoperta interessante e grazie alla narrazione sviluppata con punti di vista differenti in terza persona risulta più facile comprendere il perché di certe scelte e comportamenti dei protagonisti altrimenti di difficile comprensione.

Il vero punto forte di questo romanzo sono senza dubbio i personaggi, una cacofonia di elementi apparentemente inconciliabili che trovano tutti il loro ruolo perfetto nella storia, a partire dalle amiche di Honey, Nell e Tash esuberanti e leali, che tra un Brunch e una visita a un sexy shop diventano  pronte a tutto per la ricerca dell'uomo perfetto per la loro amica. Impossibile non nominare gli ospiti della casa di riposo, arzilli vecchietti temerari al punto di incatenarsi con manette colorate a un cancello per protesta e i protagonisti, Honey e Hal, due caratteri complessi e passionali che ogni volta che si incontrano fanno scoppiare scintille e non è sempre  facile trovare un equilibrio.

Tra ricette di cucina e una lista di aspiranti fidanzati pianisti la vita di Honey viene messa a dura prova quando anche in ambito lavorativo sorgono dei problemi e lei sembra l'unica poter trovare rimedio ma per questo avrà bisogno di un aiuto, e perché non provare a chiedere al suo nuovo vicino?!

Buona lettura! 

Commenti

  1. Ciao, ti seguo su instagram e da oggi anche qui e su G+
    Non conosco il romanzo e si discosta un po' dal genere che di solito amo leggere, però sembra interessante!
    A presto,
    Annalisa
    Lettrice di Libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, grazie di essere passata sul blog! Diciamo che questo è un romanzo diverso dal solito ma che vale la pena leggere secondo me, fammi sapere se deciderai di dargli una chance 😄

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione: Liberate il cervello, Idriss Aberkane

"Non siamo venuti al mondo per conformarci a un'impronta ma per lasciare la nostra"

Con questa frase chiave possiamo capire al meglio il messaggio intrinseco di questo libro. Sono rimasta molto colpita dall'argomento, sono da sempre appassionata di psicologia ma ammetto di non aver mai saputo che esistessero cose come la neurosaggezza o la neuroergonomia e in questo libro Idriss Aberkane riesce a spiegarle puntando l'attenzione in particolare su quanto queste possano condizionare la nostra vita in diversi campi quotidiani della società. In questo trattato infatti si riesce , grazie a una lettura critica, a comprendere il potenziale del nostro cervello se solo non venisse rinchiuso in una "scatola inadatta al suo contenuto" in campi quali l'istruzione, il marketing, il giornalismo e la politica.
Vi avviso che questo non è un libro in cui troverete tecniche pratiche per diventare esperti di matematica in 10 passi ma è un saggio vero e proprio, in grad…

Il maestro, recensione e intervista a Francesco Carofiglio

Buongiorno lettori in questo post vi parlerò del nuovissimo libro di Francesco Carofiglio, uscito ieri per Piemme, e della chiacchierata con l'autore che ho avuto occasione di fare insieme ad altri blogger. 
Ammetto che sebbene ne avessi sentito parlare non avevo mai letto nulla di questo scrittore e questo mi ha concesso di essere catturata subito dallo stile di scrittura evocativo e coinvolgente. Il libro non è molto lungo, ma nonostante questo riesce a raccontare tutto e nella maniera migliore per il lettore, avrei solo voluto averne un pochino di più per restare immersa per un altro po' nella stanza creata da Carofiglio, ero davvero coinvolta.  Il libro viene raccontato dal punto di vista del "Maestro", un anzione signore che vive da solo che ha come unica compagnia Alessandra, la ragazza che ogni giorno gli porta il pranzo. Grazie ai suoi racconti e ricordi riusciamo a intravede un barlume di quella che è stata la sua vita e carriera di grande attore e di come …

Recensione: La distanza tra le stelle, Lily Brooks-Dalton

Il mio primo pensiero terminato questo libro è stato: non può finire così, alla mia copia mancano decisamente le pagine finali! Ma ahimè è proprio così che termina la storia e ora cercherò di spiegarvi le mie sensazioni su questo libro (senza rivelare troppo ovviamente). 
Ammetto che ho comprato il libro a scatola chiusa perché, appassionata di astronomia quale sono, ogni libro ambientato nello spazio per me ha un fascino irresistibile e sebbene il finale mi abbia lasciato sorpresa non sono affatto pentita della mia scelta.

"Un tempo i mutamenti del cielo sopra di lui contavano più del terreno che aveva sotto i piedi, ma ora non più. Aveva tenuto gli occhi alzati troppo a lungo, era arrivato il momento di pensare alla terra, d'immaginare la vita che presto sarebbe riaffiorata in superficie." 



TRAMA Augustine ha dedicato la sua esistenza allo studio delle stelle. Non ha mai avuto una famiglia, né un vero amore; ha invece sempre avuto il suo telescopio, lassù, in un osserv…